Categorie
Senza categoria Storia & Tradizione

Il fenomeno del miele contraffatto cinese

Dal 2010 ad oggi, la domanda di miele è aumentata in media, di circa 20 tonnellate. Con l’aumento della popolazione, ma anche con le preferenze dei consumatori sempre più interessati ad alimenti naturali e sani, si è determinato il successo del nettare delle api. Purtroppo, si è affermata sul mercato una concorrenza sleale, il miele cinese ovvero un miele fatto senza api, viene raccolto immaturo e lavorato all’interno di fabbriche ed infine viene miscelato con lo sciroppo di zucchero o di riso. Sono meccanismi industriali che non rispettano le norme europee quindi si ha una produzione più rapida e soprattutto più economica che va ad accelerare i vari processi che le api effettuano in un periodo di tempo più elevato. I processi di essicazione e maturazione avvengono lontani dall’alveare e questo comporta che il prodotto finale è privo delle caratteristiche principali del miele. L’import del miele contraffatto è difficile da frenare in quanto in fase di controllo attraverso analisi non si riesce ad individuare il falso.

Categorie
Senza categoria Storia & Tradizione

Proprietà e benefici del miele

Il miele, tra tutti gli alimenti dolci, rappresenta l’unica sostanza le cui proprietà proprietà ed effetti benefici sono prodotte dalla natura, dal momento che l’uomo non interviene in alcun modo sulla sua formazione. L’elevato impiego del miele in cucina, utilizzato come dolcificante, ha preso il posto del comune saccarosio. Il miele è ricco di sali minerali e polisaccaridi. Tra le molteplici proprietà del miele la più importante è quella antibatterica e antibiotica ed è per questo motivo che viene consigliato per trattare problemi alla gola o alle vie respiratorie. Il miele assume molteplici caratteristiche a seconda dei fiori da cui le api ricavano il nettare e possono avere numerosi benefici. Innanzitutto, a livello digerente stimola l’attività della flora batterica ed ha un effetto depurativo. Per quanto riguarda le vie urinarie il miele ha proprietà antinfiammatorie e ha un effetto diuretico, inoltre stimola la circolazione per avere una maggiore difesa contro l’anemia. Infine, ci sono alcune tipologie di miele che hanno dei benefici più particolari per problemi al colon e sono antitumorali.

Categorie
Senza categoria Storia & Tradizione

Saccarosio e miele: che differenza c’è?

Uno degli zuccheri più dannoso è il saccarosio, abbassa le riserve minerali del nostro organismo. Dopo la trasformazione perde tutte le vitamine e i minerali, va ad influire sul sistema immunitario e nervoso andando ad acidificare il sangue e inoltre va ad aumentare la possibilità di obesità.

Sia il miele che lo zucchero sono principalmente costituiti da glucosio e fruttosio ma la principale differenza risiede nel fatto che il miele è costituito da una dose minore e contiene acqua. Il saccarosio con la sua elevata percentuale di glucosio e fruttosio favorisce l’introduzione dell’insulina nel sangue ed è la causa della comparsa di cellule che possono diventare tumorali.

Al contrario il miele è uno degli zuccheri più naturali, ed è rinomato per le sue proprietà terapeutiche ed è un ottimo energizzante.

Categorie
Senza categoria Storia & Tradizione

Il miele, alimento prezioso e antichissimo

Il miele è uno dei cibi più antichi per l’umanità: studi archeologici hanno confermato che gli umani preistorici mangiavano questo tipo di cibo dolce: in una roccia trovata vicino a Valencia, in Spagna, all’inizio del XX secolo, è rappresentata una persona sospesa con una liana su una roccia. La liana trasporta una borsa da sella e innumerevoli api ronzano intorno alla persona mentre raccoglie favi da miele da alcuni canali rocciosi.

Più tardi, quando le persone abbandonarono le grotte e costruirono capanne e case, iniziarono anche a costruire muri artificiali per le api. Quattromila anni fa, con le piante fiorite dell’alveare, gli egiziani iniziarono a tenere le api, specialmente nel delta del Nilo. Durante gli scavi praticati nelle tombe, si è scoperto che il defunto era accompagnato da vasi di miele per proseguire il viaggio dell’aldilà: al suo interno è stato scoperto che il miele ha conservato la sua virtù e le sue caratteristiche per migliaia di anni. Il geroglifico ha confermato che può essere usato sia come terapia alimentare che medica per alleviare il tratto digestivo e per curare piaghe e ferite.

Per i romani, era un dolcificante ideale: era importato da Creta, Cipro, Malta e Spagna. Veniva utilizzato nelle materie prime e nei cibi cotti, per la preparazione di dolci, birra, conserve e idromele, una bevanda prodotta dalla fermentazione alcolica del miele diluito con acqua, ed era la bevanda degli dèi.